No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20181025

L'ora triste

The Blue Hour - Suede (2018)

Ottavo disco in studio per la band di Londra, il terzo dopo la reunion del 2010. Capisco sia quelli che li hanno amati a dismisura ai tempi, e che hanno piacere che i Suede siano ancora vivi e vegeti, comprendo quelli che vedono questa marea di reunion con un certo sospetto: a pelle apparterrei al secondo gruppo, eppure, come più volte detto, provo a mettermi all'ascolto e a giudicare senza pregiudizi o paraocchi. Quindi: la band di Brett Anderson, che ha scritto pagine brillanti e bellissime del Britpop negli anni '90 fino ai primi anni '00, ha naturalmente toccato e raggiunto vette ben più alte di quelle che possiamo ascoltare in questo The Blue Hour. Eppure, la classe non è acqua, e questo disco contiene 50 minuti abbondanti di classe e belle canzoni. A volte, può anche bastare. Cold Hands, Don't Be Afraid If Nobody Loves You, Wastelands richiamano i loro periodi più belli.



Eighth studio album for the band from London, the third after the reunion of 2010. I understand both, those who loved them in excess at the times, and who are pleased that the Suede are still alive and well, I understand those who see this kind of reunion with a certain suspicion: at first, I would belong to the second group, and yet, as repeatedly said, I try to listen and judge without prejudices or blinders. So: the band of Brett Anderson, who wrote brilliant and beautiful pages of Britpop in the 90s until the early '00s, has naturally touched and reached peaks far higher than what we can hear in this The Blue Hour. Still, the class is not water, and this album contains abundant 50 minutes of class and beautiful songs. Sometimes, it can also be enough. Cold Hands, Don't Be Afraid If Nobody Loves You, Wastelands, recall their best times.

Nessun commento: