No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20170716

Guai di guerra

War Moans - Mutoid Man (2017)

Devo ammettere che questo, a differenza di altri anni, è un buon periodo di uscite musicali. Secondo disco a lunga durata per il terzetto newyorkese ultra-tecnico, che non sposta di una virgola il loro stile, che, come già descritto ampiamente in occasione del loro precedente Bleeder, ingloba dall'hardcore punk al classic rock (per dirne una, omaggiano spesso dal vivo Prince), dal progressive al metal più estremo. Ancora, per dirne altre, leggendo qualche recensione in giro, ho trovato, solo nella prima che mi è capitato, riferimenti a Voivod, Van Halen, Slayer, Muse, Morbid Angel, e allo stile chitarristico di Marty Friedman. Ecco, capite quindi che, se da una parte una roba del genere non è catalogabile (mettere nello stesso disco Afterlife e Bandages, provare per credere, è una cosa che solo dei pazzi farebbero), dall'altra, ad ascoltatori abbastanza open minded, può molto interessare. Sparita la piacevolezza della sorpresa data dai primi due dischi (incluso qui l'iniziale EP Helium Head), rimane la certezza che i Mutoid Man, al netto del fatto che soprattutto Ben Koller (batteria) è legato ai Converge (e ad altri mille progetti), e che siano nati come divertissement estremo (a livello musicale, dico), basti scorrere un poco i loro testi, sono una band matura, difficilmente catalogabile, ma decisamente interessante per qualsiasi amante del rock a tutto tondo.
PS su Bandages, pezzo stupendo, c'è una timida Chelsea Wolfe "sullo sfondo".



I have to admit that this, with a difference of other years, is a good time of music releases. Second full length for the ultra-technical New York based trio, which does not move a comma of their style, which, as already described broadly when I talked about their previous "Bleeder", incorporates from hardcore punk to classic rock (to tell you just one thing, when they are playing live they often performs "Purple Rain" from Prince), from progressive to extreme metal. Still, to tell you another thing, reading some reviews around, I found, only in the first, references to Voivod, Van Halen, Slayer, Muse, Morbid Angel and Marty Friedman's guitar style. Here, then, understand that, on the one hand, such a stuff is not catalogable (put into the same disk "Afterlife" and "Bandages", is something that only some crazy people would do), on the other hand, to open minded listeners, it can be very interesting. The pleasure of the surprise given by the first records (including the debut EP "Helium Head") is gone, but now remains the certainty that Mutoid Man, in spite of the fact that Ben Koller (drums) is linked to Converge (and to a thousand other projects), and that they were born as an extreme "divertissement" (at a musical level, I'm saying), just scroll their lyrics about that, they are a mature band, hardly catalogable, but definitely interesting for every all-around-rock lover.
PS on "Bandages", amazing piece, there is a shy Chelsea Wolfe in the background.

Nessun commento: