No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20180416

Magia morta

Dead Magic - Anna von Hausswolff (2018)

Come ebbi a dire qualche settimana fa discorrendo amabilmente con amici, come ormai si fa sui gruppi Whatsapp, un disco che viene presentato dalla rivista Q versione UK con "Gargantuan goth epic from Sweden's Queen of Darkness", andrebbe ascoltato a prescindere. Ora, si dà il caso che chi segue fassbinder abbia già sentito parlare della svedesina, e tutto questo dietro segnalazione di una lettrice: abbiamo parlato di Anna Michaela Ebba Electra von Hausswolff in occasione dei suoi due dischi precedenti, The Miraculous (2015) e Ceremony (2013). Rileggendo queste mie due, sono contento di aver notato per tempo due similitudini che sono state notate anche da addetti ai lavori ben più accreditati: il nome di Kate Bush viene fatto spesso (almeno perché entrambe sono dei soprano), mentre di recente, la stessa Anna ha pubblicato orgogliosamente sul suo profilo Instagram un'intervista in cui Diamanda Galàs la cita come una delle cose più recenti che hanno destato la sua attenzione. Ma, detto questo, veniamo brevemente a questo quarto disco da poco uscito: cinque canzoni la cui durata varia dai 5.18 del solo di organo The Marble Eye, ai 16.17 della superba Ugly and Vengeful, che definiscono un ulteriore passo avanti nella progressione di questa ancor giovanissima (31) artista che è definitivamente, lo confermo pure io, per quanto possa valere, una delle poche cose originali, eccitanti, interessanti, inquietanti, degne di nota nel panorama musicale mondiale. So che sembrerà conveniente non entrare in dettagli, ma la musica di Anna von Hausswolff è una di quelle cose per cui non vale la pena di cercare parole descrittive. Bisogna prendere il disco, metterlo su, e lasciarsi letteralmente penetrare mentalmente da esso. Fidatevi: sarà un'esperienza trascendentale.



As I said a few weeks ago talking amiably with friends, as is now done on the Whatsapp groups, a record that is presented by the magazine Q UK version with "Gargantuan goth epic from Sweden's Queen of Darkness", should be heard regardless. Now, it happens that those who follow fassbinder have already heard of this young Sweden lady, and all this behind a reader's report: we talked about Anna Michaela Ebba Electra von Hausswolff on the occasion of her two previous albums, The Miraculous (2015) and Ceremony (2013). Rereading these two of mine, I'm glad to have noticed in time two similarities that have been noticed even by insiders more accredited: the name of Kate Bush is often done (at least because both are soprano), while recently, the same Anna proudly published an interview in her Instagram profile in which Diamanda Galàs quotes her name as one of the most recent things that have attracted her attention. But, having said that, let's briefly come to this fourth album recently released: five songs whose duration varies from 5.18 of the organ-solo The Marble Eye, to 16.17 of the superb Ugly and Vengeful, which define a further step forward in the progression of this still very young (31) artist that is definitely, I confirm it too, for what it is worth, one of the few original things, exciting, interesting, disturbing, worthy of note in the world music scene. I know it will seem convenient not to go into details, but Anna von Hausswolff's music is one of those things that are not worth looking for descriptive words. You have to take the record, put it on, and let yourself be literally mentally penetrated by it. Trust me: it will be a transcendental experience.

Nessun commento: