No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20180417

Utopia americana

American Utopia - David Byrne (2018)

E' dannatamente difficile parlare male di un musicista/artista come David Byrne. Però, provate ad ascoltare questo America Utopia, che tenta, come sempre, di essere innovativo e solare, e che fa parte di un progetto multimediale intitolato Reasons to Be Cheerful (in omaggio all'omonima canzone di Ian Dury, e, semplicemente, una spinta ad essere felici ed ottimisti a dispetto di tutti i problemi socio-politici), e a non annoiarvi un pochino. Il marchio di fabbrica è sempre presente, impossibile non riconoscere quello di Byrne, alcuni ritornelli sono pure accattivanti (ci mancherebbe, insomma, se non sa scrivere canzoni lui...), ma c'è una fortissima sensazione di già sentito che è soverchiante. E' un qualcosa che traspare anche dai testi: pericolosamente in bilico tra profonde riflessioni e banalità. Nonostante ciò, come detto, tanto di cappello perché, seppure a 65 anni, continua a ricercare qualcosa di innovativo, e perché riesce a scrivere ancora gemme come la progressione synth di Doing the Right Thing o la lezione art-rock della seguente Everybody's Coming to My House (anche se raggiungendo i picchi acuti della voce con grande sforzo...).



It's damn difficult to talk badly about a musician/artist like David Byrne. However, try to listen to this America Utopia, which tries, as always, to be innovative and solar, and which is part of a multimedia project entitled Reasons to Be Cheerful (in homage to the homonymous song by Ian Dury, and simply a pushed to be happy and optimistic in spite of all socio-political problems), and not to bore you a little. The trademark is always present, impossible not to recognize that of Byrne, some choruses are also catchy (obviously, of course he knows how to write songs!), but there is a strong feeling of already heard that it is overwhelming. It is something that also transpires from the lyrics: dangerously poised between deep reflections and banality. Despite this, as I said, down the hat, because, even at 65, continues to seek something innovative, and because it can still write gems like the synth progression of Doing the Right Thing or the art-rock lesson of the following Everybody's Coming to My House (even if reaching the sharp peaks of the voice with great effort ...).

Nessun commento: