No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20180209

Il momento è ora

The Time Is Now - Craig David (2018)

Io a questo ragazzo voglio bene, ve lo dico. Born to Do It è uno dei dischi non metal che credo di aver ascoltato allo sfinimento. Spesso accade così: troppo talento tutto insieme, troppo successo all'improvviso, soprattutto da giovani. C'è chi non regge, chi si uccide, purtroppo. Craig sembra essere sopravvissuto bene, da persona equilibrata. Il problema è che non ha più fatto dischi all'altezza, e anche il successo è andato e venuto. Ci riprova con questo nuovissimo The Time Is Now, disco dove l'R&B e la Tropical house risentono da lontano del 2-step garage degli esordi, e dove si evince chiaramente che il ragazzo di Southampton, UK, ha talento e sa scrivere, così come sa cantare, ma indovinare continuamente i singoli mica è facile. Buone Brand New e I Know You, quest'ultima con i Bastille. La media non è male. Ma la grandeur è un'altra cosa.



I love this guy, I can tell you. Born to Do It is one of the non-metal records that I think I listened to the end (of it). This happens a lot often: too much talent all together, too much success all of a sudden, especially when you're young. There are those who do not hold, those who kill theirself, unfortunately. Craig seems to have survived well, as a balanced person. The problem is that he has not made good records any more, and success has come and gone. He is trying again right now with this brand new The Time Is Now, a record where the R&B and the Tropical house are affected by the 2-step garage of the beginning, and where it is clear that the boy from Southampton, UK, has talent and knows how to write, and he knows how to sing, but it's not always easy to guess some single of success. Good Brand New and I Know You, the latter with Bastille. The average is not bad. But the grandeur is another thing.

Nessun commento: