No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20180201

Il paese degli avatar

Avatar Country - Avatar (2018)

Il settimo disco della band svedese Avatar, intitolato Avatar Country, sembra ironizzare sulla anacronistica presenza di un re nel loro paese: nel titolo delle 10 tracce del disco, inclusa l'intro (una reinterpretazione dell'inno nazionale svedese), c'è la parola King. Chissà. Detto questo, parliamo del disco, eclettico, partono da una base indubbiamente metal (inizialmente nascono come band di melodic death metal), ma spaziano in ogni direzione (ascoltare The King Welcomes You to Avatar Country, una sorta di divertissement semi-country), e, seppur padroneggiando il tutto, non è che riescano a lasciare un segno deciso sull'ascoltatore. Possono ricordare i Guns and Roses, e un attimo dopo Marilyn Manson, i Rammstein o gli Iron Maiden. Insomma, una band che fa del trasformismo il suo valore aggiunto. O il suo difetto più grande.



The seventh album by the Swedish band Avatar, titled Avatar Country, seems to be ironic about the anachronistic presence of a king in their country: in the title of the 10 tracks of the album, including the intro (a reinterpretation of the Swedish national anthem), there is the word King. Who knows. That said, we talk about the album, eclectic, start from an undoubtedly metal base (they initially born as a melodic death metal band), but they range in every direction (listen to The King Welcomes You to Avatar Country, a sort of semi-country divertissement), and, although mastering the whole thing, it's not that they manage to leave a firm mark on the listener. They can remember the Guns and Roses, and a moment later Marilyn Manson, Rammstein or Iron Maiden. In short, a band that made of transformism its added value. Or its biggest flaw.

Nessun commento: