No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20180218

Il filo che ci lega

The Thread That Keeps Us - Calexico (2018)

Spiegato il mio tardivo interessamento alla band di Tucson, Arizona, nella recensione del loro Algiers del 2012, vi svelerò anche un'altra cosa: spesso, li confondevo con i Wilco. Così, senza un motivo, e senza conoscere bene nessuna delle due band. Detta questa cazzata, passiamo a parlare del nono disco dei Calexico. Vi ricordo che, come sempre, le mie preferenze vanno ai pezzi cantati in spagnolo (Flores y Tamales), quindi sempre pochi, ma la ricerca di fondere l'indie folk statunitense con varie forme di musica latina, è sempre molto interessante, anche perché non ci sono dei dilettanti a farlo. Sentite lo strumentale Unconditional Waltz, basato su trombe mariachi: spettacolare. E che dire della ballata Thrown to the Wild, e della delicatezza dell'ibrido Under the Wheels? Insomma, sempre bravi, i Calexico.



Explained my belated interest in the band of Tucson, Arizona, in the review of their 2012 Algiers, I will reveal another thing: often, I confused them with the Wilco. Like this, without a reason, and without knowing any of the two bands so well. Said this bullshit, let's move on to talk about the ninth record of Calexico. I remind you that, as always, my preferences go to the tracks sung in Spanish (Flores y Tamales), so always few, but the search to merge American indie folk with various forms of Latin music, is always very interesting, because there are no amateurs doing it. Hear the instrumental Unconditional Waltz, based on mariachi trumpets: spectacular. And what about the ballad Thrown to the Wild, and the delicacy of the hybrid Under the Wheels? In short, always bravo, Calexico.

Nessun commento: