No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20140427

il futuro è vuoto

The Future's Void - EMA (2014)

Ebbene, spiace dirlo, ma l'amico Mazza aveva ragione. Sto giocando sul fatto che nonostante spesso ci piacciano le solite cose, ci prendiamo reciprocamente per il culo sui nostri rispettivi gusti di merda. Ma, questa gliela devo concedere, è stato lui che, quando mi sono avvicinato a Past Life Martyred Saints, mi ha sottolineato che era una delle cose migliori che avesse ascoltato in quegli ultimi tempi (e quanto passano veloci, ma questo è un altro discorso).
Eppure, per quanto mi fosse piaciuto, ero sul punto di catalogare Erika M. Anderson come un'altra delle tante goth-dark-oriented-emotional-female-singer, un po' drone un po' elettronica un po' rock un po' folk, come che ne so, una qualsiasi Chelsea Wolfe
Invece, la ragazza originaria del South Dakota, sembra essersi messa d'impegno per dimostrare che non è una qualsiasi. Nonostante l'album sia stato registrato nel suo seminterrato, molto spesso senza aiuti esterni, in The Future's Void ci sono svariati momenti di grandezza; ispirata da fonti disparate, EMA sa come scrivere le canzoni, sia che vogliano essere tragicamente fredde ed elettroniche (Satellites, Neuromancer, Smoulder), sia che siano semplici e dirette (3Jane, 100 Years, Dead Celebrity), ma non per questo "facili", sia che risultino sorprendentemente rock (So Blonde) o folk-rock (la bellissima e, ripeto, sorprendente When She Comes), o complicate variazioni che abbracciano tutti i temi, come Cthulu e Solace. Su testi che riflettono le inquietudini di giovani e meno giovani davanti alla velocità e alla tecnologicizzazione dell'oggi, e alla conseguente spersonalizzazione, la sua voce riesce ad aderire perfettamente alle atmosfere che l'autrice stessa crea con le sue musiche, dimostrando capacità camaleontiche, e, al tempo stesso, la voglia, e forse la capacità innata, di guardare avanti senza dimenticare quel che c'è dietro, in cerca di qualcosa di nuovo.

Nessun commento: