No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20160428

Bratislava, Slovacchia - Aprile 2016 (2)

Lunedì, primo giorno "pieno", come detto le previsioni lo davano il migliore, inizialmente non sembra, alla fine sarà così. La colazione è nel ristorante, dal nome altisonante di Savoy, e mette un po' in soggezione, ma solo inizialmente: come forse ho già detto o forse no, il diffondersi di queste macchine automatiche per caffè e cappuccino ha definitivamente cambiato il modo di fare colazione all'italiana ovunque, e le brioches sono universali, quindi pollice su, e senza esagerare con le quantità. Mi avvio a piedi verso il castello; lungo la strada naturalmente devo continuamente cambiare l'abbigliamento, un po' perché sudo, un po' perché temperatura, nubi, vento, cambiano continuamente. Il castello è imponente e la vista abbastanza spettacolare, i lavori di ristrutturazione continuano ancora oggi, la manutenzione si nota. Ma non è 'sto granché e soprattutto, di certo non "impiega" l'intera giornata, anzi. Scendo "a valle", e per fortuna si è fatta quasi l'ora di pranzo, quindi comincio a pensare dove andare. La scelta cade sul Gatto Matto, una sorta di ristorante italiano che è pieno, devo aspettare qualche minuto perché si liberi un tavolo, poi capisco perché. A pranzo fanno menù a prezzo fisso, molte persone che lavorano negli uffici, o studenti (ma non solo) vanno lì. Scegli un piatto (pizza, pasta, carne), ti portano la zuppa del giorno, una bevuta, 7 euro e 90. La sera menù alla carta. Scelgo la pizza ed è buona, ma anche la zuppa dice la sua. La giornata volge decisamente al bello, quindi seguo un itinerario che mi son già fatto nella testa, leggermente fuori dal centro storico, fino ad un paio di punti che sembrano di interesse, e li vedete nelle foto di questo post e nel prossimo. Inizia a fare davvero caldo, anche se ogni tanto arriva qualche folata di vento gelido, quindi mi rendo ridicolo togliendo e rimettendo il giubbotto sopra la maglia a manica corta. Non riesco comunque a fare l'ora di cena, quindi rientro in hotel per qualche ora, butto un occhio alle mail di lavoro, mi riposo, guardo qualcosa. Per la cena opto per il Carnevalle, giusto di fronte all'hotel, spesa contenuta, carne buona. E sogni d'oro.
Il Danubio, e sullo sfondo l'UFO
Il castello
L'Università Comenio
Alcuni particolari intorno alla cattedrale di San Martino (i disegni sono di bambini delle scuole locali)
Uno dei palazzi che si affacciano sulla piazza principale
La piazza primaziale
Un'altra veduta del palazzo primaziale

Nessun commento: