No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20180308

Piccola era oscura

Little Dark Age - MGMT (2018)

Quando ti verrebbe voglia di liquidare la recensione con il classico "non è il mio genere", arriva un pezzo come One Thing Left to Try, che ti ricorda quanto gli MGMT devono alla new wave, anche se in un modo contorto. Little Dark Age, un titolo davvero adatto al momento, è il quarto disco del duo formatosi a Middletown, Connecticut, e mi pare segni un ulteriore cambiamento, e chissà se sarà apprezzato dagli appassionati. Sia chiaro, siamo ancora alle prese con pezzi orecchiabili, spesso apparentemente divertenti, pop e solari, ma qua e là ci sono delle "tendenze" scure. Se l'apertura di She Works Out Too Much sembra un pezzo da classifica uscito direttamente da una Hit Parade degli anni '80, il pezzo seguente, che è quello che poi dà il titolo all'album, ha più di un retrogusto dark, e c'è chi scomoda Gary Numan. Si va avanti così, tra gli Human League e gli A-ha. Presi a piccole dosi, possono anche piacere. Ma rimango dell'opinione che un intero disco di questa roba, seppur catchy quanto volete, sia difficilmente sopportabile, e manchi un poco di carisma.



When you want to dismiss the review with the classic "it's not my cup of tea", comes a track like One Thing Left to Try, which reminds you how much MGMT has a debt to the new wave, even if in a twisted way. Little Dark Age, a title really appropriate at the time, is the fourth disc of the duo formed in Middletown, Connecticut, and I think signs a further change, and who knows if it will be appreciated by fans. Let's be clear, we're still dealing with catchy, often seemingly entertaining, pop and solar pieces, but here and there there are dark "tendencies". If the opening of She Works Out Too Much looks like a classic track released directly from an 80s Hit Parade, the following track, which is what gives the title to the album, has more than a dark aftertaste, and there are people that cites Gary Numan. It goes on like this, between the Human League and the A-ha. Taken in small doses, they can also be pleasant. But I remain of the opinion that an entire disc of this stuff, albeit as catchy as you want, is hardly bearable, and lacks a little of charisma.

Nessun commento: