No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20140908

30 Days Without an Accident

The Walking Dead - di Frank Darabont - Stagione 4 (16 episodi; AMC) - 2013/2014

Sono passati diversi mesi dalla conclusione della stagione precedente, alla fine della quale molti "abitanti" di Woodbury si sono uniti al gruppo della prigione. Rick ha definitivamente rinunciato alla leadership del gruppo e si è dedicato all'agricoltura per insegnare qualcosa a Carl, ma il ragazzino è impaziente di usare le armi. Suo padre lo rimprovera perché "battezza" i maiali del recinto, che diventeranno cibo, ma Carl stesso rimprovera Lizzie, una bambina proveniente da Woodbury, perché allo stesso modo "battezza" i walkers che sempre di più si assiepano alla rete di recinzione. Daryl è diventato il leader in pectore, Tyreese trova una fidanzata tra gli ex Woodbury ma rimane tormentato, Michonne non si dà pace per non essere ancora riuscita ad uccidere il Governatore. Anche la giovane Beth ha conosciuto qualcuno. Nonostante l'allevamento e l'agricoltura, le uscite per procacciarsi il cibo sono ancora necessarie, e sono naturalmente ancora pericolose. Eppure, la nuova minaccia viene da dentro le mura...

Il 12 ottobre 2014 prossimo andrà in onda l'episodio 5x01, intitolato No Sanctuary. E io mi chiedo: sarà la volta buona in cui riuscirò a smettere di guardare The Walking Dead? Solo il tempo ce lo dirà. Le possibilità sono aumentate: ho dovuto "lasciare per strada" alcuni serial che consideravo "minori" per mancanza di tempo, e sinceramente, dopo quattro stagioni di agonia, sono portato a considerare TWD una serie minore, a dispetto del battage pubblicitario, dell'hype e del budget milionario. Il difetto della serie, come già illustrato in passato, si reitera all'infinito. Ripetitività, lentezza estrema dell'azione, costrizione alla monofaccialità di attori e attrici anche bravini da situazioni che si ripropongono in una sorta di loop malato. E' pure vero che ogni tanto gli sceneggiatori ed i registi riescono a regalarci momenti interessanti, è pure vero che il cliffhanger finale della quarta stagione è più che interessante, ma la stanchezza che mi assale al solo pensare di rimettermi davanti al solito schema "42 minuti di noia a raffica e dialoghi ridondanti + 1 minuto di adrenalina" è qualcosa che mi vince.
Staremo a vedere. Tra pochissimo.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

o cosa c'entra Jovanotti?
;-)
Bartelloni

jumbolo ha detto...

dé, anche lui è un zombie. è der piddi....