No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20150122

Risorse

The Assets - Scritta da Drew Chapman, Alex Berger, Bruce Terris, Karen Stillman, Sarah Byrd; diretta da Jeff T. Thomas, Adam Lucas Feinstein, Rudy Bednar, Trygve Allister Diesen, Peter Medak (2014) - Miniserie in 8 episodi - ABC

1985. Aldrich Ames, agente CIA, sta passando, già da qualche tempo, documenti considerati top-secret, all'ambasciata sovietica in Washington D.C.
Nel corso di una riunione del controspionaggio, l'agente CIA Sandra Grimes sta discutendo a proposito di un alto ufficiale del KGB, che già nel 1970 passò alla CIA informazioni molto utili; c'è in programma uno scambio di informazioni e denaro, ma l'asset (così, in inglese, ci si riferisce alle fonti, alle risorse di informazioni di controspionaggio) e l'agente CIA che doveva ricevere le nuove informazioni, sono entrambi catturati del KGB. L'agente viene rilasciato, ma l'asset viene ucciso.
La situazione preoccupa Sandra, che inizia ad indagare ossessivamente, scoprendo alcune cose che la fanno iniziare a sospettare che ci sia una talpa nella stessa CIA, nel suo stesso ufficio. Quasi negli stessi giorni, in Italia, un uomo che afferma di essere un alto colonnello del controspionaggio KGB, contatta l'ambasciata degli USA a Roma, dicendo che vuole disertare.

The Assets è una miniserie che ha battuto diversi record. Tutti negativi. Ha avuto il pilot meno visto di tutti i tempi, per quanto riguarda i 3 grandi network statunitensi (ABC, CBS e NBC); tanto per darvi un'idea, stiamo parlando di quasi 4 milioni di spettatori. Il 10 gennaio 2014, dopo soli 2 episodi, è stato cancellato dalla programmazione ABC, annunciando che gli episodi non andati in onda sarebbero poi stati mandati in seguito. Il 21 giugno 2014 è stato riprogrammato il terzo episodio, di sabato, ma già dopo il quarto episodio, la settimana seguente, la programmazione è stata nuovamente sospesa, sempre a causa di bassissimi dati di audience. I rimanenti 4 episodi sono quindi poi andati in onda a coppie, la domenica pomeriggio d'estate, a cavallo tra la fine di luglio e l'inizio di agosto.
Effettivamente, bisogna riconoscere che, seppure tratto da una storia vera che ebbe un eco rilevante, da un libro autobiografico scritto a quattro mani che soprattutto negli USA ha avuto un grande successo (Circle of Treason: A CIA Account of Traitor Aldrich Ames and the Men He Betrayed, di Sandra Grimes e Jeanne Vertefeuille), e che nonostante racconti una storia tutto sommato intrigante, la miniserie ha dei grossi difetti, e non è il massimo dell'intrattenimento. Giusto per il fatto che gli anni '80, almeno alla televisione, stanno andando forte, e per riempire i buchi di alcune sere, me la sono guardata senza impegno.
Quel che prima di tutto non ho capito, è il perché si sia scelto un cast praticamente tutto inglese per interpretare una storia tutta statunitense. Gli attori del cast sono poco conosciuti, se escludiamo la sempre bravissima Jodie Whittaker (qui Sandra Grimes; ultimamente in Broadchurch) e il belloccio Julian Ovenden (qui Gary Grimes, il marito dell'eroina; ultimamente in Downton Abbey), il che naturalmente non sottintende che gli altri non siano bravi, al contrario. Ma, a mio giudizio, c'è una generale "ingessatura" di fondo, nelle dinamiche, nei flashback, nelle scene in interno (e pure in quelle esterne), insomma, il tutto risulta davvero poco naturale, difficilmente credibile, poco appassionante (se si eccettua, per me, la visione di Catalina Denis nei panni di Rosario Ames; l'avevamo vista pure in The Tunnel). In definitiva, storia interessante, svolgimento non all'altezza. Se interessasse, qua la storia di Ames, e le bio di Grimes e Vertefeuille.

Nessun commento: