No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20170423

Minsk (Bielorussia) - Aprile 2017 (5)

Lunedì 10 è ora di tornare. Mi sveglio tardi, scendo per colazione, mi preparo con calma, scendo per il check out che sono le 11, appuntamento con lo stesso taciturno tassista dell'andata è alle 11,30. Uno dei ragazzi alla reception parla italiano, mi intrattengo sulle differenze del traffico con tutti e tre (della reception), ma in inglese, per non escludere nessuno. Sfoglio una sorta di guida di Minsk: è situata vicino al punto più alto della Bielorussia, il monte Dzerzinskij, ben 345 metri sul livello del mare!
Arriva il "mio" autista, saluto, salgo, e via. Mezz'ora e siamo all'aeroporto, passo i controlli, cerco il gate, e scopro che il volo è stato ritardato di quasi un'ora. Nessun problema per la coincidenza. Cerco una calamita di Minsk, un'abitudine che ho preso da qualche tempo, ma non ne esistono, tutte scritte in cirillico. Abbandono l'idea di comprare una matrioska, mi siedo e attendo con pazienza. Si parte, alla fine.
Stavo pensando ad un lifting
Come non fare una foto dall'ascensore a vetri
Per darvi un'idea della piattezza della Bielorussia
Si, in effetti l'estetica non è proprio il massimo

All'aeroporto di Vienna mangio qualcosa, ricarico il telefono e termino di vedere un episodio di una serie, che mi era rimasto a metà. Poi mi imbarco. In questa parte di aeroporto gli spazi di imbarco sono decisamente più ariosi. Quello frequentato all'andata, imbarco per Minsk, era molto peggio. Eccomi infine a Bologna verso le 19, mi metto in viaggio e dopo un poco mangio qualcosa, domattina di nuovo al lavoro.

Nessun commento: