No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20170620

Dopo le risate

After Laughter - Paramore (2017)

Eccoci alle prese con un'altra svolta epocale, per la band capitanata dalla talentuosa e istrionica Hayley Williams. L'unica cosa che vi verrà a mente ascoltando questo nuovo After Laughter, se ripensate alle produzioni precedente, è Ain't It Fun, dal precedente eponimo. E' anche vero che qua c'erano già fortissimi indizi, appunto datici dal disco precedente, che levigava gli spigoli e si tuffava in qualcosa che già non era più propriamente rock o post punk. After Laughter è un disco pop ben scritto, che affronta temi non proprio felici a livello di liriche, ma che suona allegro, creando un paradosso simpatico. Sonorità molto anni '80 con un'elettronica vintage, e addirittura echi caraibici, mescolati con ritornelli anthemici e rivolti a un pubblico molto giovane. Eppure, c'è del buono, sempre se non vi vergognate troppo di dire che ascoltate i Paramore.



Here we are, with another epoch-making turn, for the band led by talented and multi-faceted Hayley Williams. The only thing that comes to mind when listening to this new "After Laughter", if you think about previous productions, is "Ain't It Fun", from the previous eponymous album. It is also true that there were already very strong clues, exactly given from the previous record, which paved the edges and plunged into something that was no longer properly rock or post-punk. "After Laughter" is a well-written pop record, dealing with not really happy lyric themes, but cheerfully playing, creating a sympathetic paradox. Sonority of the 80s with vintage electronics, and even echoes of Caribbean, mixed with anthemic choruese and addressed to a very young audience. Yet, there is good, if you are not too ashamed to say that you are listening Paramore.

Nessun commento: