No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20161107

Un posto a tavola

A Seat at the Table - Solange (2016)

A parte chiamarsi come il sensitivo livornese, non deve essere per niente facile essere la sorella di Beyoncé. Specialmente se sei una musicista anche tu. Eppure, nonostante questo, leggendo la biografia di Solange Piaget Knowles, non sembra che la ragazza, oggi trentenne, se la sia passata troppo male. Ovviamente, ogni volta che può, tende a sottolineare la diversità tra di loro. Almeno a livello musicale, la cosa è piuttosto evidente. Solange dice di essere soprattutto influenzata dai gruppi femminili della Motown, ed in parte è vero; ma lo stile di Solange è piuttosto moderno, quello di un r'n'b raffinato, meno rarefatto di quello di Erykah Badu, imparentato lievemente con l'hip hop, pieno di trovate interessanti. La voce è valida, i pezzi certo ben scritti (Solange ha scritto musica per la sorella e pure per Kelly Rowland e Michelle Williams), ma il tutto è estremamente smussato, esageratamente tendente al jazz, quindi, dategli un ascolto, ma non stupitevi se vi assopite verso la metà...



Aside called herself as the sensitive from Livorno, it should not be at all easy to be the sister of Beyoncé. Especially if you are a musician, too. Yet, despite this, reading the biography of Solange Piaget Knowles, it seems that the girl, now thirty years old, lived her life not too bad. Obviously, every time she can, tends to emphasize the diversity between them (she and B). At least musically, it is pretty obvious. Solange says she is particularly influenced by the Motown girl groups, and partly it is true; but the style of Solange is quite modern, a style of a refined r'n'b, less rarefied than that of Erykah Badu, related slightly with hip hop, full of interesting things and sounds. The voice is way too valid, the tracks are very well-written (Solange wrote music for her sister, and also for Kelly Rowland and Michelle Williams), but everything is very blunt, overly tending to jazz, therefore, give it a listen, but do not be surprised if you get drowsy in the middle of the album...

Nessun commento: