No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20141106

torna in primo piano

Back to the Front - Entombed A.D. (2014)

Qualcuno di voi forse si ricorderà degli Entombed, o forse no. Io si, tra l'altro li ricordo spesso perché sono stati una delle prime band per cui ha militato Nicke Andersson, mio personale idolo hard rock nonché fondatore degli Hellacopters prima, e degli Imperial State Electric poi. E' il caso di scrivere un po' di storia, perché la cosa è un po' complessa. Gli Entombed, nati come Nihilist, nome poi cambiato appunto in Entombed a causa di ominimia, sono stati una death metal band svedese, ma non una a caso, una delle più importanti, una di quelle che ha influenzato molte delle band a venire, perfino gli Slayer, una band che ha saputo differenziarsi poco dopo il debutto, avvenuto nel 1990 con Left Hand Path: infatti, Wolverine Blues, terzo album del 1993, è considerato un capolavoro del genere, disco con il quale nasce il death 'n' roll (e nessuno mi toglie dalla testa che Andersson è quello che più ha influito su questa virata). Detto questo, gli Entombed A.D. sono una nuova band, sulla carta, ma in realtà sono formati dal cantante-fondatore degli Entombed originali, Lars-Goran Petrov (svedese di origini macedoni), uscito dalla band brevemente dal '91 al '92, che insieme a Victor Brandt al basso, Nico Elgstrand e Johan Jansson alle chitarre, e a Olle Dahlstedt alla batteria, proseguono il cammino degli Entombed, seppur sotto un diverso moniker, imposto loro da una decisione di un tribunale svedese, che ha stabilito che il nome Entombed appartiene comunemente a Hellid, Petrov, Cederlund e Andersson, e che quindi potrà essere usato solo dai quattro insieme. Il disco, infatti, prosegue il cammino interrotto ormai 7 anni fa con Serpents Saints - The Ten Amendments, e cioè con i rimasugli di quel sound che mischia death metal, punk 'n' roll e hard rock, notevole come idea, ma che ha già dato il massimo in passato. Non bastano cambi di tempo, buoni riff, discreto tiro dei pezzi, potenti mid-tempos, per scrivere pagine indelebili. Non basta l'esperienza per dare alle stampe un capolavoro. Back to the Front, alla fine, è un disco piuttosto anonimo.




Entombed A.D. is basically the new name of Entombed, the historical swedish death metal band who invented death 'n' roll with Wolverine Blues. After a pause of seven years since the predecessor Serpents Saints - The Ten Amendments was released, Lars-Goran Petrov and his mates are out with this Back to the Front under an almost-new moniker. We can hear all the teaching of the past, the fusion of death metal, punk and rock and roll, but all of this and over 20 years of experience ain't enough in order to release a really good record. Isn't that boring, don't fear you, die-hard fan, but it's not enough for me to be excited. Sorry about that.

Nessun commento: