No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20160727

I fantasmi della Highway 20

The Ghosts of Highway 20 - Lucinda Williams (2016)

Alla rispettabile età di 63 anni, Lucinda Williams ha fatto uscire il suo dodicesimo album (5 febbraio 2016), un doppio della durata di oltre 80 minuti. 14 canzoni, 13 delle quali farina del suo sacco, con alcune eccezioni. Nell'opener Dust è stato il padre Miller Williams a scrivere il testo; Miller, poeta morto l'anno passato di Alzheimer, soffriva di spina bifida. A lui, e alla sua sofferenza, è dedicata If My Love Could Kill. Su House of Earth, la Williams ha musicato un testo di Woody Guthrie. La quattordicesima canzone è una cover di Factory di Bruce Springsteen.
Il disco è di una bellezza cristallina, profuma di polvere e di southern accent, di sofferenza e dolore, e ci dimostra che la Williams ha ancora qualcosa da dire, in campo musicale. La prova vocale è eccellente.



At the respectable age of 63 years, Lucinda Williams has released her twelfth album (5 February 2016), a double lasting over 80 minutes. 14 songs, 13 of which are of her own making, with some exceptions. The lyrics of the opener "Dust" was written by the father Miller Williams; Miller, a poet who died of Alzheimer's last year, suffered from spina bifida. To him, and to his suffering, she dedicated "If My Love Could Kill". In "House of Earth", Williams has put in music a Woody Guthrie lyrics. The fourteenth song is a cover of Bruce Springsteen, "Factory".
The record is a crystal beauty, smells of dust and southern accent, of suffering and pain, and shows us that Williams still has something to say, in music. Her voice proof is excellent.

Nessun commento: