No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20161028

La vita che ricordo

The Life I Remember - Once Human (2015)

Come sapete, mi piace, ogni tanto, navigare senza meta su Youtube. Tempo fa mi sono imbattuto in questa band, che ha all'attivo solo un album, del 2015, e che si appresta a far uscire il successivo nel 2017. Incuriosito, al solito, dal fatto che la cantante è una bella signorina australiana, non esageratamente femminile, e che usa sapientemente la tecnica del growling, oggi facciamo una pausa dalle novità, e parliamo, appunto, di questo dischetto del 2015, The Life I Remember.
Gli Once Human sono una creatura che nasce dall'energia e dalla passione musicale del chitarrista Logan Mader, ex Machine Head, Soulfly e attivo produttore (Gojira, Five Finger Death Punch, Soulfly, Fear Factory). Mader, dopo oltre 10 anni lontano dai palchi, incontra Lauren Hart, cantante e chitarrista australiana, per un lavoro di produzione commissionatogli da uno dei boss della Nuclear Blast, e decide di mettere su una band insieme a lei, facendole abbandonare la chitarra per concentrarsi sulla voce. Recluta altri due musicisti non troppo famosi, in modo che la band sia stabile, e non un supergruppo o un progetto collaterale. Dopo un anno, ecco il disco del quale stiamo parlando.
La definizione di melodic death metal è probabilmente quella più appropriata; le atmosfere sono tese, marziali, ma si fa anche un discreto uso di tastiere (una delle cose che proprio non mi piacciono, almeno in questo genere musicale), e non si disdegnano gli intro epici fatti con gli archi. La sezione ritmica lavora compatta, le chitarre (in questo momento addirittura tre, nella formazione) graffiano e si esibiscono in assoli essenziali, la Hart mostra un'estensione vocale e una padronanza del "mezzo" impressionante.
Eppure, il risultato non è dei più coinvolgenti e convincenti. Non troppo estremo, melodico qua e là, nessun pezzo da ricordare particolarmente. Vedremo cosa riusciranno a combinare con il prossimo disco, come detto previsto per il 2017, dal titolo provvisorio di Evolution.



As you know, I like, every so often, surfing aimlessly on Youtube. Time ago I came across this band, which has assets of just one album of 2015, and which is preparing to let out the next in 2017. Intrigued, as usual, by the fact that the singer is a beautiful Australian lady, not exaggeratedly feminine, and that skillfully uses the growling technique, today we take a break from the news, and will talk, in fact, about this album of 2015, "The Life I Remember".
Once Human is a creature born by the energy and musical passion of the guitarist Logan Mader, former Machine Head, briefly with Soulfly and active producer (Gojira, Five Finger Death Punch, Soulfly, Fear Factory). Mader, after more than 10 years away from the stage, meets Lauren Hart, Australian singer and guitarist, for a production work commissioned by one of the Nuclear Blast boss, and decided to start a band with her, making her give up the guitar to concentrate on the vocals. Recruits other two musicians not too famous, so that the band can be stable, and not a supergroup or a side project. After a year, here is the album of which we are speaking today.
The definition of melodic death metal is probably the most appropriate one; the atmosphere is tense, martial, but it also makes a discrete use of keyboards (one of the things that just I do not like, at least in this genre), and do not disdain the epic intros made with a string section. The rhythm section works compact, the guitars (at this time even three, in the line up) pushes and performs in essential solos, Hart shows an extension voice and a mastery of the "tool" impressive.
Yet, the result is not the most engaging and compelling. Not too extreme, melodic here and there, no tracks to remember especially. We'll see what they will do with the next record, as mentioned planned for 2017, tentatively titled Evolution.

Nessun commento: