No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20161019

Spirito

Kodama - Alcest (2016)

Kodama (nella tradizione giapponese, lo spirito che risiede in alcuni alberi; vi ricorderete quelli della Principessa Mononoke, e sono proprio quelli a cui si ispira inizialmente il disco) è il quinto disco del duo francese Alcest (Neige, voce, chitarra, tastiere; Winterhalter, batteria), del quale abbiamo parlato diversi anni fa, in occasione dell'uscita del secondo disco Ecailles de lune (2010). Lo stile è ancora quello, che, ve lo ricordo ancora una volta, viene definito blackgaze (shoegaze più black metal), il disco è ben prodotto e suonato, l'unico difetto è che può risultate un po' troppo omogeneo, nel senso che si fatica a trovare grandi differenze tra un pezzo e l'altro.
Epperò, l'atmosfera che riescono a creare, fatta ovviamente da muri sonori robusti, ma ariosi e melodicamente impeccabili (tra l'altro, sempre molto belli), è grandiosa, e l'ascolto risulta piacevole.



"Kodama" (in the Japanese tradition, the spirit that resides in some trees; you will remember those of "Princess Mononoke", and are the ones that inspired initially this album) is the fifth of the French duo Alcest (Neige, vocals, guitar, keyboards; Winterhalter, drums), of whom we spoke several years ago, on the occasion of the second album "Ecailles de lune" (2010). The style is still the same, which, I remind you once again, is defined "blackgaze" (shoegaze black metal), the album is well produced and performed, the only flaw is that it can result a bit too homogeneous, I mean, it is hard to find great differences between a track and another.
Anyways, the atmosphere they create, obviously made by robust sound walls, but airy and melodically impeccable (by the way, always very beautiful), is great, and listening is pleasant.

Nessun commento: