No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20161214

Amore e odio

Love and Hate - Michael Kiwanuka (2016)


L'amico Massi lo aveva segnalato qualche tempo fa, poi è arrivato l'hype: di recente, ho trovato un lungo articolo su Kiwanuka sulla rivista di bordo della WizzAir, compagnia aerea low cost ungherese. Eppure, il cantante/chitarrista inglese, figlio di due ugandesi fuggiti dal regime del dittatore Amin (lo stesso che cacciò tutti gli indiani dall'Uganda, ma diciamo che questa è una delle cose meno triviali da lui compiute), è già al secondo disco: il suo debutto, infatti, risale al 2012 con Home Again.
Bene, che cosa c'è da dire su Michael Kiwanuka? Che senza dubbio è un giovane interessante, che sa scrivere belle canzoni, e che, questa è una delle cose che sottolinea lui stesso raccontandosi, non è sicuramente all'avanguardia: è cresciuto in mezzo a coetanei bianchi che ascoltavano musica nera, ma per musica nera intendevano hip-hop e R'n'B "moderno", mentre lui preferisce i grandi classici del soul quali Marvin Gaye, Curtis Mayfield, Bill Withers, Terry Callier, Otis Redding, ma anche Randy Newman e Van Morrison. Il suo sound, infatti, è venato dal folk e dalla musica d'autore, oltre che dai grandi classici della musica black, provare per credere.
Suoni ed arrangiamenti eleganti, per un disco che può fare da sottofondo elegante, o da accompagnamento in viaggio, ma che alla lunga, non sorprende e, potenzialmente, può stancare.





The friend Massi had reported some time ago about him, then came the hype: recently, I found a long article, about Kiwanuka, in the on board magazine of WizzAir, Hungarian low-cost airline. Still, the English singer/guitarist, the son of two Ugandan refugees, escaped from the Amin regime (the same who expelled all the Indians from Uganda, but we can say that this is one of the things less trivial he did), is already at the second album: his debut, in fact, dates back to 2012 with "Home Again".
Well, what is there to say about Michael Kiwanuka? Which no doubt is an interesting young man, who writes good songs, and that, this is one of the things that emphasizes when is telling about himself, is definitely not cutting edge: he grew up in the midst of white peers who were listening to black music, but for black music they meant to hip-hop and "modern" R'n'B. He, instead, prefers the great soul classics such as Marvin Gaye, Curtis Mayfield, Bill Withers, Terry Callier, Otis Redding, but also Randy Newman and Van Morrison. His sound is indeed veined by folk and classic songwriters, as well as from the great classics of black music, seeing is believing.
Sounds and arrangements are elegant, for a record that can work as a classy background, or a good accompanying travel, but in the long run, it is not surprising and, potentially, can be boring.

Nessun commento: