No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence.

20070514

again

Leggete il "bonsai" di Sebastiano Messina sulla Repubblica di oggi, è semplicemente fantastico.

UN CORTEO SACROSANTO
di Sebastiano Messina

Un milione. Anzi no, un milione e mezzo. Comunque stavolta erano davvero in tanti, nelle strade e nelle piazze. Con le loro bandiere al vento. Con i loro cappellini colorati. Con i loro slogan taglienti, sarcastici, eppure pieni di orgoglio della loro propria identità di liberi cittadini, slogan che spandevano allegria e coraggio nel cuore della folla. Certo, ce l'avevano con il governo, ma era ovvio che fosse così: i cortei a favore del governo non riescono mai così bene, lo sanno tutti.
Chi c'era è rimasto impressionato, perchè era davvero da un pezzo che non si vedeva un simile fiume di gente scendere in piazza, rinunciando a una scampagnata o alla prima gita al mare, in nome di un ideale limpido e pulito: il giusto posto per i valori religiosi.
Era una richiesta sbagliata? Io dico di no. Ogni sincero democratico dovrebbe approvarla. Anzi: se avessi potuto ci sarei andato anch'io, a quella manifestazione storica. Ma bisognava prendere due aerei e un treno, e alla fine ho lasciato perdere. Peccato, perchè mi sarebbe davvero piaciuto, essere ieri a Smirne, tra quel milione e mezzo di turchi che marciavano per difendere una causa sacrosanta: la separazione delle leggi dello Stato da quelle della religione.

2 commenti:

lafolle ha detto...

grande!

cinaho ha detto...

sabato invece, in italia,
c'è stata una delle prime manifestazioni contro i diritti altrui...benchè questi non vanno a danneggiare i diritti acquisiti dai manifestanti