No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20140804

amici

Sammy Hagar and Friends - Sammy Hagar (2013)

Parlavamo, con alcuni dinosauri, in questi giorni passati, di quanto si divertano soprattutto on stage i Chickenfoot, e casualmente, alcuni giorni prima, ero venuto a conoscenza dell'uscita, nel settembre dell'anno passato, di questo nuovo dischetto a nome del Red Rocker Samuel Roy Sammy Hagar, classe '47, ex Montrose, Van Halen, HSAS (Hagar, Schon, Aaronson, Shrieve), Sammy Hagar and The Waboritas, Los Tres Gusanos, Planet Us, attualmente con i Chickenfoot appunto, da Salinas, California, cantante, chitarrista, autore dell'autobiografia (con Joel SelvinRed: My Uncensored Life in Rock, imprenditore dagli svariati interessi (possiede negozi di mountain bike, night club, ristoranti, produce tequila), occasionalmente attore e senza dubbio personaggio pubblico (la San Bernardino County, California, celebra, il 23 maggio, il Sammy Hagar Day). Mi è sempre piaciuta l'attitudine di Hagar, fin dai tempi di I Can't Drive 55, e continua a piacermi nelle sue varie sfaccettature. Sono certo che in molti lo sottovalutano o non lo prendono in considerazione: provate ad ascoltare cosa riesce a fare, in questo disco, di Personal Jesus, una delle canzoni più coverizzate della storia (Depeche Mode), qui suonata con Neal Schon, Michael Anthony e Chad Smith (i Chickenfoot con un diverso axe hero, in pratica). Disco ovviamente divertente e vario, scritto appositamente per far festa con gli amici. E che amici. In ordine di tracklist: Taj Mahal, Denny Carmassi e Bill Church, il trittico già citato, ancora Carmassi ed il figlio grande Aaron Hagar, Carmassi Kid Rock e Joe Satriani, i "suoi" The Waboritas, Ronnie Dunn, Toby Keith nella deliziosa Margaritaville, Mickey Hart Nancy Wilson, senza dimenticare un ricordo di Ronnie Montrose in una delle due bonus tracks (Space Station #5).
Massimo rispetto per Sammy, da parte mia.



I think Sammy Hagar is often underestimated, but instead he is a powerful hard rock performer and musician; counting that he's nearly sixty-seven years old, I would say it is one of those that brings them better, even musically. This record is, as the title says, made ​​for friends and played with friends. The result is various and entertaining. Long life to Sammy.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Mi sto rimettendo in pari dalle ferie...
Questo vì se un ride pare Grillo.

Bartelloni