No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20140826

I'm Just Not That Into Me

Suburgatory - di Emily Kapnek - Stagione 3 (13 episodi; ABC) - 2014

Ancora una volta, Tessa torna a Chatswin da George, lasciando un altro biglietto d'addio alla madre. George, ancora destabilizzato dalla sua rottura con Dallas e dal suo acquisto della nuova casa (che doveva essere il nido d'amore di loro due, appunto), accoglie a braccia aperta, ma ancora depresso, Tessa, ammettendo che trasferirsi nei sobborghi è stato un errore. Propone di tornare, lui e Tessa, a vivere a New York City, ma alla fine si trasferiscono di nuovo nella loro vecchia casa di Chatswin, come affittuari. A casa di Dallas, Dalia sente non troppo sorprendentemente la mancanza di George, e comincia ad accusare la madre di essere insensibile ai suoi bisogni.
Lisa è sempre più irritata dai suoi genitori. La madre Sheila, sentendo di non aver altri da accudire visto che ormai Ryan è al college, riprende a lavorare e si getta a capofitto nella sua avventura di agente immobiliare, divenendo una scocciatura per venditori e compratori. Non solo: insieme al marito, sostengono di essere afflitti dalla sindrome del nido vuoto. Lisa è esterrefatta.

Ci sono da dire alcune cose su Suburgatory. Che avesse perso la sua carica iniziale, è innegabile. Che fin dall'inizio si muovesse su dei binari forse troppo intellettual-sarcastici rispetto alla media delle comedy (ma se vive una cosa come Louie, seppur su una rete completamente differente, le cose sono un poco più complicate) era acclarato. Che gli ascolti fossero in calo, e che il ridimensionamento a 13 episodi della terza stagione, ed il ritardo nel rinnovo, la ponevano sul filo del rasoio. Dal punto di vista del fruitore, dell'entertainment, Suburgatory è sempre rimasto un oggetto difficile da identificare, a volte vola alto, a volte non si capisce se ci è o ci fa. La cosa veramente strana, alla fine, è che rischia di fare la stessa fine di un prodotto che parte, si, dagli stessi presupposti, ma li sviluppa in maniera totalmente diversa. Sto parlando, ci sono arrivato solo tramite questo articolo, letto inizialmente per capire che fine avrebbe fatto la serie, e rileggendo le note della pagina/elenco degli episodi della serie stessa su Wikipedia, che fa riferimento a Suburgatory come alla storia di un padre single e una figlia che si trasferiscono nei sobborghi e si ritrovano "right down to the neighbors who welcome them into the cul-de-sac", francesismo che mi ha ovviamente fatto pensare alla "banda del cul-de-sac". La stessa fine è che molto probabilmente, dopo la cancellazione da parte della ABC, ritroveremo (se si vuole) Suburgatory sulla TBS.
Detto questo, anche questa (mini) stagione di "sobborgatorio" è stata fatta da alti e bassi, da momenti nonsense che portavano alle finali riflessioni di Tessa fin troppo seriose ma mai stupide, da momenti buffi ma mai esilaranti. Come spesso accade, lo slancio iniziale è difficile da cavalcare, e la cancellazione è dietro l'angolo.

Nessun commento: