No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20140103

non c'è montagna abbastanza alta

Ain't No Mountain High Enough: A Tribute to Hitsville U.S.A. - Michael Bolton (2013)

L'uomo con le adenoidi più grandi del mondo si fa sentire ogni tanto, per pagare alimenti e figlie varie, mutui e, come va di moda dire adesso, soprattutto al Nord, quant'altro. Molto parco di produzioni proprie e veramente originali (l'ultimo disco, forse vi ricorderete, è One World One Love del 2009), tant'è che il disco precedente a questo era Gems: The Duet Collection / Duette del 2011, altra raccolta di cover più un paio di suoi pezzi vecchi, tutti in duetto con artisti vari, stavolta si cimenta con altri suoi vecchi amori: vari pezzi di produzione Motown. Sotto quindi con grandi classici targati soprattutto Marvin Gaye (Ain't No Mountain High Enough, How Sweet It Is (To Be Loved by You), Ain't Nothing Like the Real Thing, l'intramontabile What's Going On, un paio di Holland-Dozier-Holland (Nowhere To Run, originariamente by Marta and the Vandellas, e You Keep Me Hangin' On, The Supremes di Diana Ross), inframezzate tra l'altro dall'unico inedito, Gotta Keep Dreamin', di buona fattura, scritta tra l'altro in collaborazione con Dave Tozer, un paio di Smokey Robinson, il primo scritto per i The Tempations, The Way You Do the Things You Do, e il secondo per i suoi The Miracles, The Tracks of My Tears (forse, e dico forse, la meglio riuscita del disco), per finire col grande classico di Stevie Wonder Signed, Sealed, Delivered I'm Yours. Lo supporta Kelly Rowland (9 su 10 tracce), ulteriori ospiti sono Melanie Fiona (Ain't Nothing Like the Real Thing) e il sassofonista Michael Lington (What's Going On).
I puristi probabilmente storceranno la bocca, un po' perché Bolton è bianco, un po' perché è troppo "leccato", ma tutto sommato l'omaggio (perché di questo si tratta) funziona e fa ballare.
Siccome, nonostante tutto, rimango un fan di mister Bolton, anziché allegarvi un video musicale, eccovi la sua partecipazione, davvero simpatica, ad un episodio della sitcom Two and A Half Men.

EDIT: non ci avevo prestato molta attenzione, ma devo dire che rivedendola su questo nuovo bellissimo sfondo, la copertina, restando Bolton un bell'omino, è a dir poco orrenda.

Nessun commento: