No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20170228

Bruxelles (B) - Febbraio 2017 (3)

Mercoledì 15 solita partenza alle 7,15, soliti ritmi, ma stavolta si terminano i lavori alle 17: stasera, prima della cena, è previsto un evento team building. Molti di voi sanno già di cosa si tratta, per i pochi che non fossero familiari, solitamente tutti i partecipanti sono divisi in gruppi, e ci si reca in un luogo dove è possibile giocare e, quindi, fare squadra. La nostra destinazione è l'Enygma, un luogo che offre stanze per Escape Game. L'atmosfera è letteraria, quando ci sono tutti (alcuni ospiti di altre divisioni, sponsor dell'Academy, HR, comunicazioni) veniamo divisi in quattro gruppi, e ognuno viene rinchiuso in una stanza, dove bisogna risolvere degli enigmi per sbloccare la porta. Sono stanchino, ma do il mio piccolo contributo, e c'è da dire che il mio gruppo è quello che riesce ad uscire per primo, seppure a solo 1 minuto e 40 secondi dallo scadere dell'ora (allo scadere della quale il gioco finisce). Divertente, bel posto, non avevo idea che ne esistessero, adesso lo so. Via sui taxi, e stavolta siamo a cena al Belga Queen, locale dove sono già stato un paio di anni fa. Il posto è famoso soprattutto per i suoi interni, e per il fatto che si trova dove prima era una banca: nel caveau sotterraneo ci è stato fatto un bar, il ristorante, ampio, forse troppo ampio, con poltrone troppo comode, è al piano della strada. La tavolata è imponente, e ci si sente a malapena, ma la serata è ugualmente piacevole, il cibo a mio giudizio lascia un po' a desiderare. Anche stasera possiamo andare a letto contenti.
Al Belga Queen c'era troneggiava ancora l'amore della sera precedente...

Giovedì 16 è l'ultimo giorno di lavoro "pieno", quindi 7,15 la partenza, 18 il rientro, corsa in camera e via sul taxi per il ristorante Cospaia, luogo un poco più distante rispetto agli altri ristoranti, l'unico che non avevo mai provato. Direi il migliore a livello di qualità, molti apprezzano, rispetto al Belga Queen, anche l'ambiente molto meno rumoroso. Scopro ovviamente che uno dei camerieri è italiano, e si beve un bel rosso pugliese per rallegrare ancor di più la serata, che decisamente è segnata da una certa soddisfazione, sia da parte dei core trainer, che ci vedono tutti coinvolti, sia da parte nostra, felici di essere sopravvissuti fino a stasera.

Nessun commento: