No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20170831

Copenaghen (Danimarca), Malmo (Svezia) - Agosto 2017 (3)

Giovedì 24 agosto quindi, ci svegliamo un po' prima del giorno precedente, ci prepariamo comunque con calma, colazione, e con largo anticipo siamo di fronte al municipio, decisi ad acquistare l'escursione della brochure che ci è stata data il giorno precedente. Ci presentiamo, e ci dicono che bisogna attendere 1 minuto alle 10, per vedere che ci siano ancora posti disponibili. Non sarà un problema, l'ora arriva, si paga e si sale. Minibus con diversi turisti, il conducente che funge anche da guida è un simpatico kosovaro che risiede a Malmo e che lavora con questa importante società che organizza tour a Copenaghen e dintorni. Si parte, si esce dalla città verso l'aeroporto, e finalmente ci siamo. Ci si infila in un tunnel, e siamo sull'Oresund, opera costata 3 milioni di dollari che consta di un tunnel di oltre 4 km, un'isola artificiale di 4 km, e un ponte strallato lungo quasi 8 km. So a cosa state pensando, e lo penso ogni volta anche io. Collega i sobborghi di Copenaghen a quelli di Malmo, Danimarca e Svezia, e inoltre, ha ispirato una bella e famosa serie tv danese/svedese della quale vi ho parlato in passato (e che speriamo arrivi alla quarta stagione, visto che per adesso siamo a tre). Si percorre il ponte, la guida ci dà qualche dettaglio, ci si ferma verso la fine per una pausa fotografica, e si riparte verso il centro di Malmo. Pausa all'altezza del Torso, grattacielo con torsione progettato da Calatrava, realmente impressionante. Si prosegue verso il centro, dove ci viene lasciata un'ora e venti minuti di pausa, e ne approfittiamo per mangiare. Dopo pranzo, navigazione di un'oretta lungo i canali di Malmo, guidati da un simpatico capitano che racconta un po' di storia e descrive le caratteristiche della cittadina svedese. Bella giornata, giro pittoresco, tutto bene. All'arrivo, il minibus non c'è ancora, abbiamo 10 minuti. Qua scendo in un particolare che magari dovrei tacere, ma mi serve per raccontarvi una cosa che molti sapranno già, ma che a me colpisce ugualmente: ho bisogno del bagno, dall'altra parte del canale c'è la stazione centrale, vado lì che sicuramente ci saranno i bagni. Arrivo e i bagni si pagano. Non ho moneta, né danese, né tantomeno svedese. Niente paura: si può pagare, l'equivalente di 1 euro, con la carta di credito. Favoloso. E niente, si torna verso la Danimarca mentre inizia a piovere, facciamo un paio di foto nella Radhusplads, e ci ritiriamo in albergo. Facciamo finta che ci sia venuta fame, e finalmente, invece di andare a caso come fino ad oggi, scelgo un ristorante che fa anche buffet vegetariano. Sorprendentemente, il migliore della gita. Ci ritiriamo nella nostra stanza, domattina si torna in patria.


Tre vedute del Ponte Oresund
Malmo è sullo sfondo
Due viste del Turning Torso
Stortoget, la piazza principale di Malmo
Una veduta di un palazzo di Malmo, dal battello
Sulla Radhusplads la pubblicità del musical American Idiot
La Radhusplads verso il Municipio
Pranzo all'aeroporto di CPH

Ed eccoci a venerdì 25 agosto, sveglia, preparazione, colazione, check out, camminata fino a Norreport, imbarco sulla metro verso l'aeroporto, controllo di una simpatica controllora che (siamo leggermente oltre lo scadere delle 72 ore dal momento dell'acquisto della card) ci tranquillizza dicendoci che siamo a bordo, quindi va bene così, frappuccino da Starbucks per perdere un po' di tempo, ingresso in aeroporto dai controlli, giro dei ristoranti, scelta, pranzo, chiacchiere in libertà mentre si attende l'imbarco, imbarco, volo, arrivo a Bologna. Una pizza per concludere l'avventura, e anche questa è fatta. Alla prossima.

Nessun commento: