No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20160208

Marrakech, Marocco - Dicembre 2015 (1)

Martedì 8 dicembre
Per chiudere l'anno vacanziero, e fuggire da questo inverno non troppo freddo, ho deciso di andare in Marocco, a Marrakech. Volo con Ryanair da Pisa, partenza nel primo pomeriggio con un volo piuttosto pieno, e arrivo quasi per l'ora di cena. Familiarizzo con la vicina di seggiolino, marocchina ma non si direbbe, che litiga con un poliziotto perché vede una sua compatriota saltare la fila perché conosce quel poliziotto. Mi aspetta un autista che parla poco anche il francese, e aspettiamo non so cosa, poi mi scarrozza fino al Riad che ho prenotato. Un simpaticissimo tuttofare del Riad mi accoglie e mi prepara una cena tipica: ho prenotato una mezza pensione, ma credo proprio che la cena la salterò spesso... Abdel, questo il nome del tuttofare, è amichevole e gli anticipo che il giorno seguente vorrei una guida per esplorare il centro di Marrakech. Mi dice di non preoccuparmi, ne parliamo la mattina seguente. 
Mercoledì 9 dicembre
Al mattino non è poi così caldo, un po' come la sera dopo il tramonto del sole. E' normale. Faccio colazione, e due chiacchiere con altri ospiti. Abdel mi dice se sono pronto, e chiama la guida. Non riesco a capirne il nome, ma è un signore anziano che parla un buon inglese e qualche parola di italiano. Va spedito, si vede che fa questo mestiere da una vita, e mi guida attraverso il quartiere centrale, La Medina.
Uno stop interessante alla madrasa di Ben Youssef, del 1500; le foto della madrasa sono a seguire, dopo quella della bilancia.

Nessun commento: