No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20160223

Per tutti i re

For All Kings - Anthrax (2016)

Oggi, dando gli ultimi riascolti al nuovissimo disco (l'undicesimo) degli Anthrax, formazione quasi originale (Ian, Belladonna, Benante, Bello) più il nuovo chitarrista Jon Donais dagli Shadows Fall, che ha preso il posto di Rob Caggiano (come sapete, adesso nei Volbeat), riflettevo sul perché sia la band newyorchese, sia pure gli Slayer, abbiano continuato a sfornare dischi dignitosi, al contrario dei Metallica, che pur, ai tempi, hanno totalmente oscurato la fama di queste altre band, poi considerate "minori". Alla fine, la conclusione è semplicistica: senza strafare e senza metamorfosi particolari, hanno, appunto, conservato la dignità.
Passiamo al disco, che ormai in rete gira da mesi, ma esce solo il 26 febbraio. E' buono, è piuttosto buono. Naturalmente, ci riporta indietro nel tempo, ai bei tempi del thrash metal duro e puro, anche se gli Anthrax, dei quali abbiamo parlato più volte anche negli ultimi anni, hanno flirtato da sempre sia con l'hip hop, sia con il classic hard rock. Sarà un'impressione sbagliata, ma perfino il recente tour di spalla agli Iron Maiden ha lasciato qualche strascico di ispirazione alla band: si possono sentire, qua e là, degli spunti maideniani (l'intro di For All Kings, tanto per dirne una).
Il disco è piacevolissimo, per i metallari o gli ex metallari che ancora gioiscono quando le chitarrine elettriche sferragliano felici: Monster at the End, For All Kings, Breathing Lightning, Suzerain, Blood Eagle Wings, This Battle Chose Us (la mia preferita), sono tutti ottimi pezzi, e pure gli altri non citati non sono per niente male.
Mi fa piacere sentirli in salute. Long live.



Today, doing the last listening to the new album (the eleventh) of Anthrax, almost original lineup (Ian, Belladonna, Benante, Bello) with the new guitarist Jon Donais from Shadows Fall, who has taken the place of Rob Caggiano (as you know, now in Volbeat), I reflected on why both the New York band, albeit Slayer, have continued to churn out decent albums, as opposed to Metallica, which although, at those times, have completely obscured the fame of these other bands, then considered "minors". In the end, the conclusion is simplistic: not overdoing it and without major metamorphosis, have, in fact, preserved the dignity.
About the album, which runs the network for months, but only comes out on February 26: it's good, is pretty good. Of course, it takes us back in time to the good old days of thrash metal hard and pure, although Anthrax, of which we have spoken several times in the past few years, have always flirted with both the hip hop, with both the classic hard rock. It will be a wrong impression, but even the recent guest to Iron Maiden tour has left some trail of inspiration to the band: you can hear, here and there, of maidenesque cues (the intro of "For All Kings", for example) .
The album is very pleasant, for metalheads or former metalheads who still rejoice when electric guitars sound happy and hard: "Monster at the End", "For All Kings", "Breathing Lightning", "Suzerain", "Blood Eagle Wings", "This Battle Chose Us" (my favorite), are all great pieces, and even others not mentioned are not too bad.
I'm glad to hear them healthy. Long live.

Nessun commento: