No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20170117

Cittadino di vetro

Citizen of Glass - Agnes Obel (2016)

Amanti della musica di ogni tipo, se non lo sapete già, nel 2016 è uscito finalmente il terzo disco della cantante e compositrice danese Agnes Obel. E', nuovamente, un disco in cui perdersi, e farsi cullare. Difficile trovare qualcosa di simile, oggigiorno. Violini, violoncelli, clavicembali (uno strumento, non ci crederete, il cui suono mi affascina più di quello del pianoforte), spinette, celesti, e trautonium, insieme alle superbe composizioni e alla voce soave della Obel, costruiscono un tutt'uno eccezionalmente moderno e antico, stranissimo e familiare, intenso, struggente e coinvolgente, che può sorprendere perfino amanti del rock più duro. Raffinatissimo senza essere snob.



Music lovers of all kinds, if you do not know already, in 2016 was finally released the third album by the Danish singer and composer, Agnes Obel. It is, again, an album into you can get lost, or be cradled. Hard to find something like that nowadays. Violins, cellos, harpsichords (an instrument, you couldn't believe it, the sound of which fascinated me more than the piano), spinets, celestas, and trautoniums, along with the superb compositions and the sweet voice of Obel, build a whole exceptionally modern and ancient, strange and familiar, intense, poignant and compelling, that may surprise even fans of hard rock. Refined without being snobby.

Nessun commento: