No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20160823

Buh!

Boo Hoo Hoo - No Sinner (2014)

Nell'attesa di riuscire a trovare il nuovo disco Old Habits Die Hard, della band canadese No SInner, ben recensito da qualche parte, saputo che il debutto era uscito nel 2014, sono andato intanto ad ascoltarmi questo Boo Hoo Hoo. In realtà era uscito nel 2012 con sei pezzi, poi ri-edito con altri tre pezzi, appunto, nel 2014. Bene, la band nasce come back-up band di Colleen Rennison, canadese di Vancouver, 28enne anche attrice, poi diventa una vera band con altri tre componenti fissi. La farò molto breve: a livello musicale, siamo sul semplicissimo, ma sempre ben accetto, blues rock, fatto benissimo, pezzi accattivanti e dall'ottimo tiro. A livello vocale, la Rennison vi stupirà. Ho sentito, nel suo timbro e nel suo stile, solo per rimanere su esempi "recenti", sfumature di Joss Stone ma pure di Amy Winehouse. Capirete che il tutto acquista un valore superiore. Curioso.



While waiting to be able to find the new album "Old Habits Die Hard", by the Canadian band No Sinner, well-reviewed somewhere, knew that the debut was released in 2014, I went to listen to this "Boo Hoo Hoo". Was actually released in 2012 with six pieces, then re-published with three other pieces, in fact, in 2014. Well, the band began as a back-up band of Colleen Rennison, Canadian Vancouver, 28-year old, also actress, then it becomes a real band with three other fixed components. I will do it very short: at musical level, we are on the simple, but always welcome, blues rock, well done, eye-catching pieces and great shot. A voice level, Rennison will amaze you. I heard in her tone and in her style, just to stay on "recent" examples, Joss Stone shades, but also of Amy Winehouse. You'll understand that everything acquires a higher value. Curious.

2 commenti:

Filo ha detto...

Non usi mai Spotify? "Old Habits Die Hard" lì c'è.

jumbolo ha detto...

lo sto ascoltando. grazie della "spinta".