No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence.

20090105

il meglio del 2008 - musica - top 10 (+5)




E' arrivato il momento fatidico. Ecco i 10 dischi preferiti del vostro blogger preferito per l'anno solare 2008. Seguono altre 5 segnalazioni "minori".






Per la prima volta in tre anni un disco che mette d'accordo me e il mio co-blogger. Disco maturo e incasellabile. Grande groove.






Come recita in uno dei pezzi dell'album, Unstoppable, inarrestabile e travolgente. Un frullato di hip hop, punk, reggae, dance. Genietto.




3) Da solo Vinicio Capossela


Come non ripetersi rimanendo sempre se stessi, mantenendo riferimenti fissi ma guardandosi continuamente intorno. Ossimoro. Il paradiso dei calzini è già storia.






Un disco di metal evoluto che non ti dà tregua. Per ascoltarlo tutto d'un fiato bisogna avere una buona scorta d'ossigeno, oppure ottimo fiato. Estenuante nell'accezione positiva del termine.






Il metal è vivo, e band come queste lo dimostrano. Si evolve, parte dal versante più pop, ingloba il "trend" emo, lo trasforma in screamo, guarda agli avamposti (Dillinger Escape Plan, Converge), e confeziona dischi di assoluto rispetto. Dalla rarefazione alla decomposizione (sonora).






A partire dalla copertina, opera del grande Gipi, un disco splendido e graffiante, attuale, pieno di amarezza e verità italiana. Irriverente. Vasco Brondi è una promessa.






Difficile trovare ancora parole per descrivere gli islandesi, che ormai hanno un seguito sterminato. Tra le poche band che riescono ancora a stupire disco dopo disco. La quiete dopo la tempesta, e viceversa.






Non sono molti, ma neppure pochi, i cesellatori di storie musicali intriganti in Italia. Benvegnù è uno di questi, e merita più attenzione. Il disco di quest'anno è splendido. Ragguardevole.




9) A Hundred Millions Suns Snow Patrol


Li ho scoperti tardi, e chiedo venia. Tutto quello che i Travis non sono riusciti ad essere, con una continuità di songwriting invidiabile. Con le chitarre distorte come plus. Quando vi stancherete dei Coldplay, gli Snow Patrol vi scalderanno gli inverni.






L'essenza del rock and roll si può trovare nelle discografie degli AC/DC e degli Hellacopters, ma anche nei dischi di sbarbati come Stonerider o Airbourne. A me è piaciuto molto quello dei georgiani (USA). Play it loud.




Mi sono piaciuti anche:




11) Prehistoricism Intronaut


Prog-metal con growling e, al tempo stesso, con basso jazz. Più in là di Tool, Meshuggah e Mastodon.






Piacevolissimo e ruffiano. Da ascoltare senza riflettere sui testi.






Intensi fino alle lacrime, divertenti fino alle stesse. Una conferma.






I ragazzi di Southtown scrivono sempre canzoncine semplici che a me piacciono. Da cantare in auto.






E chi se ne frega se molti lo considerano un fighetto a cui non dare credito. Lui ci crede, e fa il suo lavoro. E a me la sua voce piace molto.

5 commenti:

sam ha detto...

Assieme a Viva La Vida (io lo adoro, non ce posso fare gnente) Only By The Night oltre ad essere uno dei miei preferiti di quest'anno è uno dei miei preferiti in assoluto. Grazie per la segnalazione. :)

Ho comprato il cd originale con la copertina che hai messo tu in cima al post e poi ho approfittato dello sbarco a Dublino per prendere anche questa versione alternativa ---> http://images.play.com/covers/5978270x.jpg che in Italia non si trova.

P.S. Concordo su Gavin Rossdale anche se questo disco non mi convince ho adorato e adoro i BUSh e la sua voce.

Anonimo ha detto...

a me è piaciuto un sacco il disco blues: "I Started Out With Nothin' and I Still Got Most of It Left" di Seasik Steve

e "Alas I Cannot Swim" di Laura Marling giovanissima, ma di personalità anche dal vivo con una band al seguito di tutto rispetto.

drugo

jumbolo ha detto...

la marling l'ho ascoltata, ma non mi ha particolarmente impressionato. siamo sul soggettivo, anche se magari vale la pena vederla live come dici tu.
l'altro non lo conosco.

Anonimo ha detto...

guarda qui che c'è un accenno alla sua storia: http://en.wikipedia.org/wiki/Seasick_Steve

nella traccia "Just Like a King" del disco che ho citato prima sono ospiti i Grinderman (il progetto rock blues di Nick Cave, Warren Ellis, Jim Sclavunos, Martyn Casey)

questo è lui: http://farm2.static.flickr.com/1045/835752198_ecd3e6e3f6.jpg

drugo

Anonimo ha detto...

LABOSO vota per le luci della centrale elettrica, grazie ad Ale che me le ha segnatati; mi associo per gli snow patrol, e x me è bomba anche Vinicio e i Kings of Leon,con la "Dance in the fire" in testa!!!