No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence.

20061014

poor Muhammad


Il premio Nobel per la pace a Muhammad Yunus, il banchiere dei poveri, è un bellissimo segnale, soprattutto per l'occidente capitalista ormai schiavo dell'economia di mercato.

Vi dò solo alcuni cenni su quest'uomo, ne troverete molti altri e molto più approfonditi in questi giorni. E' un economista visionario, che in pratica ha fondato il concetto di microcredito: la banca, cioè chi ha i soldi e li vuole prestare, che va dal povero, perchè il povero non andrà mai in banca. Elargire crediti minimi, che aiutino i poveri a muovere piccoli passi per creare un minimo di ricchezza, per cominciare a mettere in piedi piccole imprese familiari, sulla fiducia e non firmando delle carte: i poveri, spesso, sono analfabeti. Però hanno una grande dignità. Ricetta semplice, ma visionaria e utopistica. Ha funzionato.

Troverete in libreria anche un suo libro: Il banchiere dei poveri edito da Feltrinelli.

Lunga vita a Muhammad.

3 commenti:

LemiRight ha detto...

E il bello è che "in teoria" questo dovrebbe essere il compito delle banche.
E' del tutto assurdo tutto ciò.
E persone come questo dimostrano quanto non sia solo "il sistema" o "l'economia" ad esser sbagliate ma specialmente le persone.
Amarezza.

Matteo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Matteo ha detto...

E' un grande.
L'unico che abbia realizzato la vera economia di mercato, mentre tutti ne parlano e basta. Il liberismo, se reale come in questo caso, funziona.