No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence.

20061015

war?


E' difficile discettare sull'opportunità di una legge che punisce chi nega un genocidio poco riconosciuto a livello mondiale. Tra l'altro, visto che oggi lo fa perfino Sofri su Repubblica, mi mette anche in difficoltà questa cosa. Però ci tenevo a sottolineare la cosa, visto che per la mia innata curiosità sulle cose del mondo mi sono sommariamente interessato al problema fin da tempi non sospetti.

Riassumendo: a partire dal 1915 la Turchia inizia la deportazione in massa degli armeni verso la Mesopotamia. Moriranno circa UN MILIONE E MEZZO di persone. La Turchia da sempre nega questo genocidio. Se non siete per niente informati sull'argomento, il metodo più sbrigativo può essere noleggiare il film Ararat di Atom Egoyan, regista canadese di origine armena (nella colonna sonora ci sono anche i System Of A Down, tutti e quattro statunitensi ma provenienti da famiglie armene). L'Ararat è la montagna sacra degli armeni, e si trova tutt'ora in territorio turco.

La Francia è stata la prima nazione a riconoscere ufficialmente il genocidio. Qualche giorno fa si è spinta ancora più in là: ha promulgato una legge che punisce col carcere chi nega questo genocidio. Diverse personalità importanti si sono già pronunciati in maniera critica su questa legge (tra gli altri, il neo premio Nobel per la letteratura, il turco - ma che non nega il genocidio - Orhan Pamuk). Sono d'accordo, imporre la verità storica per legge è quantomeno strano. D'altro canto, ammiro la Francia perchè tiene sempre di conto della sua importanza e dell'importanza della sua storia: liberté, egalité, fraternité.

2 commenti:

drunkside ha detto...

mah... ritengo ingiusto imporre una visione della storia, sono un ultras della libertà di espressione, anche nelle sue forme peggiori

Anonimo ha detto...

cazzo....i system of down sono di origine armena? questo davvero non lo sapevo.....