No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence.

20100205

patria




Heimat / Heimat 2, cronaca di una giovinezza – di Edgar Reitz (1984/1992)


Giudizio sintetico: imperdibili
Giudizio vernacolare: firmoni



Visto che nel febbraio 2005 usciva Heimat 3, sempre diretto da Reitz, mi parve giusto raccontare qualcosa di questo imponente lavoro che ho visto, non senza fatica, non per voi ma esclusivamente per il mio piacere. La fatica, sia chiaro, è stata tutta nel trovare il tempo per vederlo tutto; undici episodi il primo Heimat (per gli amanti del vintage, 7 vhs), per quasi venti ore di film, tredici per Heimat 2 (tredici vhs), quasi trenta ore. Per la sostanza, al contrario, la storia è avvincente, densa di sentimento familiare, nazionalista, ma anche di profonde riflessioni filosofiche e storico-sociali.


Reitz, in pratica, e in breve, cerca di raccontare la storia della Germania dal 1919 al 1982 (con Heimat 3 arriverà al 1999), attraverso la storia di una famiglia; la protagonista del primo Heimat è Maria, la capostipite della famiglia Simon, mentre per Heimat 2, con una specie di spin-off, il protagonista diviene il figlio più piccolo Hermann, che nasce nel 1940 e attraversa anche lui la storia della Germania fino al 1970.


Immaginatevi, dalla ricostruzione dopo la Prima Guerra Mondiale, attraverso la nascita del Nazifascismo, la Seconda Guerra Mondiale, la sconfitta, l’ennesima ricostruzione, la presa di coscienza degli orrori perpetrati dai connazionali, il ’68, la rivoluzione sessuale, gli hippies, il comunismo, la guerra fredda, la Bader-Meinhof; affascinante anche solo pensarci. Nessuno sfarzo, alternanza tra bianco e nero e colore, a scelta libera del regista, attori non eccezionali, ma quello che conta qui è davvero la storia : magari qualcuno facesse qualcosa del genere in Italia (Giordana, col suo La meglio gioventù è un esempio troppo piccolo al confronto). Uno sforzo non solo lavorativo, ma anche umano e di coscienza, davvero coraggioso. Per mettervi in pari, esistono due dvd contenenti la prima e la seconda parte a 65 e 89 euro.
Chi ama il cinema di qualità non se ne pentirà.

5 commenti:

giulia ha detto...

non ci credo...idolo!
alla fine io non ho mai avuto la forza di iniziarlo!
ma quanto ci hai messo?? :-)

jumbolo ha detto...

qualche anno e soprattutto un paio di infortuni.
roba di qualche anno fa.
sto postando tutte le vecchie recensioni, come si nota, e da oggi per alcuni giorni metterò quelle di heimat; la prima e la seconda parte insieme, e i 6 episodi della terza parte separati.

Gegio ha detto...

Ci vuole coraggio per affrontarlo, non per la qualità ma per la durata. Complimenti!!!

jumbolo ha detto...

ahahaha!! grazie.

Anonimo ha detto...

io proprio stasera guarderò il mitico episodio 13 di Heimat2. Sono felice e triste allo stesso tempo... ma sono già pronta per il 3 Per me è diventata una droga, l'ho trovato meraviglioso, una roba "necessaria"